Storia | Bitrex
Menu  

Storia

History

Il benzoato di denatonio fu scoperto dalla Macfarlan Smith nel 1958 e registrato in seguito quello stesso anno con il marchio Bitrex nel Regno Unito, in Canada e negli Stati Uniti. Utilizzato all’inizio per denaturare l’alcol – rendendolo così per legge inidoneo all’ingestione – oggi viene addizionato a una vasta gamma di prodotti per la pulizia domestica, per il bricolage, per il settore automobilistico e ai pesticidi. Dopo la sua approvazione nel Regno Unito e negli Stati Uniti all’inizio degli anni ’60, Bitrex è stato ufficialmente riconosciuto come il denaturante di elezione in oltre 40 paesi.

La scoperta di Bitrex

Durante il lavoro di routine su anestetici per uso locale, il personale di laboratorio notò che il benzoato di denatonio in polvere era estremamente amaro. Preparato in soluzione si dimostrò assai più efficace della brucina che a quei tempi era la sostanza standard per denaturare l’alcol.

La vendita del nuovo denaturante iniziò nel Regno Unito nel 1960 ed entro il 1963 nell’elenco dei clienti figuravano, tra gli altri, l’industria chimica ICI, Rentokil, Gillette e Avon Products. La prima volta che Bitrex fu impiegato semplicemente per suscitare avversione al sapore fu in una crema per prevenire che i suini si mordessero la coda a vicenda. 

Da allora Bitrex è stato usato in molteplici applicazioni. Uno degli usi principali è quello di provocare avversione negli esseri umani. Grazie al suo sapore amarissimo è ideale per contribuire a prevenire avvelenamenti accidentali.